giovedì, Agosto 18, 2022
Home News NOTIZIE DAGLI ASSOCIATI Yamaha accelera l'obiettivo di neutralità di carbonio per i suoi siti industriali

Yamaha accelera l’obiettivo di neutralità di carbonio per i suoi siti industriali

La Casa nipponica accorcia i tempi dei propri obiettivi e promuovere innovazioni di processo

Yamaha Motor è lieta di annunciare che l’azienda sta accelerando verso l’obiettivo di neutralità delle emissioni di carbonio per i suoi stabilimenti, nazionali ed internazionali, al 2035. Si tratta di un salto di 15 anni, dato che l’obiettivo originale per raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio nel Piano Ambientale 2050 del Gruppo Yamaha Motor, annunciato nel luglio 2021, era il 2050.

Per raggiungere questo nuovo obiettivo, l’azienda promuoverà iniziative volte a ridurre al minimo il consumo di energia e ad affidarsi a energie più pulite. Il risultato previsto di queste azioni entro il 2035 è una riduzione del 92% delle emissioni di CO2 (rispetto al 2010) derivanti dalle operazioni di produzione negli stabilimenti Yamaha Motor nazionali e internazionali. Inoltre, le emissioni di CO2 rimanenti saranno compensate con metodi riconosciuti a livello internazionale per realizzare il piano dell’azienda di raggiungere la neutralità di carbonio in tutti i suoi stabilimenti.

Due i focus principali: da una parte minimizzare l’uso e dall’altra puntare sull’utilizzo di energia più pulita. L’obiettivo è quello di ridurre al minimo l’utilizzo di energia, definendo di valore solo l’energia realmente necessaria per la creazione di prodotti e considerando tutti gli altri tipi di consumo energetico come obiettivi di miglioramento. Un approccio che passa attraverso l’implementazione meticolosa dell’autospegnimento delle apparecchiature per puntare a un consumo energetico fisso e in standby pari a zero e dall’introduzione di apparecchiature di dimensioni compatte con requisiti energetici minimi, ma che garantiscano comunque un’elevata produttività, al fine di garantire un significativo risparmio energetico.

Per quanto riguarda infine l’utilizzo di energia più pulita Yamaha ha annunciato, tra le altre azioni, il passaggio a Shizuoka Green Denki di Chubu Electric Power (energia idroelettrica a zero emissioni di carbonio) in tutte le strutture e i cantieri sotto la giurisdizione della sede centrale a partire da luglio 2022, il graduale utilizzo di energia elettrica priva di carbonio presso altre società del gruppo nazionali e internazionali, con l’obiettivo di passare completamente all’elettricità priva di carbonio entro il 2030, e l’istallazione di pannelli solari per aumentare la percentuale di energia elettrica autoprodotta.

Ultime News

La spinta dal cicloturismo

Con l'approvazione del Piano generale della mobilità ciclistica, l'Italia è pronta a liberare tutto il suo potenziale Via libera dalla Conferenza unificata al Piano...

Moto2, Fantic e VR46 Racing Team insieme

Nasce una nuova partnership ad ampio respiro tra la casa costruttrice veneta e la squadra di Valentino Rossi FANTIC, azienda veneta di produzione di cicli...

Caberg serie Carbon

La leggerezza e resistenza del carbonio incontrano l'esperienza del saper fare italiano Dal 1974lo storico marchio Cabergè sinonimo diinnovazione, sicurezza ed alta qualitàe negli anni si è affermato nel mercato...

Nuove colorazioni per le Honda Africa Twin e Africa Twin Adventure Sports

Aggiornato il Mat Ballistic Black Metallic e rinnovato il Tricolour che diventa Glint Wave Blue Metallic per la CRF1100L Africa Twin, debutta sulla CRF1100L Africa Twin Adventure Sports...

Mercato moto, luglio a -7%

Problemi globali di approvvigionamento indeboliscono complessivamente la disponibilità di veicoli, tiene il cumulato annuo Oscilla tra stagnazione e battute d’arresto, in termini percentuali, il mercato...

Ducati annuncia consegne, ricavi e utile operativo per il primo semestre del 2022

Record di ricavi per il primo semestre del 2022: 542 milioni di euro, la cifra più alta mai registrata nei primi sei mesi dell’anno....