giovedì, Agosto 18, 2022
Home News NEWS DALL'ASSOCIAZIONE Assicurazioni moto, subito un tavolo per riforma CARD

Assicurazioni moto, subito un tavolo per riforma CARD

Il ddl Concorrenza provoca aumento dei premi per gli oltre 500mila motociclisti assicurati fuori dal CARD, necessario riformare meccanismo risarcimento diretto 

L’apertura di un tavolo per la riforma del CARD ovvero Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto. È quanto chiede Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) con l’approvazione da parte della Camera del ddl Concorrenza. Malgrado la presa di posizione dell’associazione, il provvedimento ha infatti reso operativa l’estensione del maccassimo CARD, a cui oggi aderiscono le imprese assicurative italiane, anche a quelle operanti in Italia con sede legale in altri Paesi europei. 

Da qui, “il notevole aumento dei premi a cui andranno incontro gli oltre 500mila motociclisti assicurati fuori dalla procedura CARD. Ma anche i motociclisti assicurati nel CARD già oggi pagano alcuni “oneri di sistema” che pesano per circa il 30% sul premio assicurativo. Questa prospettiva – si legge in un comunicato stampa diffuso stamane da ANCMA – rende necessaria un’azione di riforma del CARD stesso come recentemente dichiarato anche dallo stesso presidente dell’IVASS Luigi Signorini”. 

Il risarcimento diretto CARD, introdotto nel 2007, prevede in pratica che il conducente che subisce un incidente non venga risarcito dall’assicurazione del responsabile del sinistro, bensì dalla propria: quest’ultima riceverà successivamente un rimborso forfettario dall’assicurazione del conducente che ha causato l’incidente. Un meccanismo che ha generato negli anni effetti positivi sui premi assicurativi e, soprattutto, sui tempi del risarcimento nel settore auto. Tuttavia, come chiaramente evidenziato da uno studio commissionato da ANCMA all’Università LUISS e dell’andamento del mercato ​assicurativo, la convenzione CARD genera effetti distorsivi sulle polizze per le due ruote, perché la rigidità del meccanismo di rimborso a forfait non si adatta agli incidenti motociclistici, che presentano, tra l’altro, anche un elevato tasso di danni alla persona. 

Ultime News

La spinta dal cicloturismo

Con l'approvazione del Piano generale della mobilità ciclistica, l'Italia è pronta a liberare tutto il suo potenziale Via libera dalla Conferenza unificata al Piano...

Moto2, Fantic e VR46 Racing Team insieme

Nasce una nuova partnership ad ampio respiro tra la casa costruttrice veneta e la squadra di Valentino Rossi FANTIC, azienda veneta di produzione di cicli...

Caberg serie Carbon

La leggerezza e resistenza del carbonio incontrano l'esperienza del saper fare italiano Dal 1974lo storico marchio Cabergè sinonimo diinnovazione, sicurezza ed alta qualitàe negli anni si è affermato nel mercato...

Nuove colorazioni per le Honda Africa Twin e Africa Twin Adventure Sports

Aggiornato il Mat Ballistic Black Metallic e rinnovato il Tricolour che diventa Glint Wave Blue Metallic per la CRF1100L Africa Twin, debutta sulla CRF1100L Africa Twin Adventure Sports...

Mercato moto, luglio a -7%

Problemi globali di approvvigionamento indeboliscono complessivamente la disponibilità di veicoli, tiene il cumulato annuo Oscilla tra stagnazione e battute d’arresto, in termini percentuali, il mercato...

Ducati annuncia consegne, ricavi e utile operativo per il primo semestre del 2022

Record di ricavi per il primo semestre del 2022: 542 milioni di euro, la cifra più alta mai registrata nei primi sei mesi dell’anno....